Parigi (askanews) - I francesi sono scesi di nuovo in piazza contro la legge sul lavoro voluta dal governo di Hollande. In centinaia hanno riposto all'appello dei sindacati di lavoratori e studenti e del movimento "Nuit debout" e hanno partecipato al corteo per protestare contro il jobs act francese e soprattutto contro la decisione del governo di adottarla senza il voto del Parlamento, una possibilità prevista dall'articolo 49-3 della Costituzione francese. Il salto del passaggio parlamentare evita al governo il rischio di vedere affossata la legge da una parte dell'Assemblea nazionale e degli stessi socialisti pronti a votare no.La decisione ha scatenato un'ulteriore valanga di polemiche contro una legge già molto contestata, anche con momenti di forte tensione nelle piazze. La battaglia si combatte anche in Parlamento dove l'opposizione ha presentato una mozione di sfiducia che verrà votata nelle prossime ore. E l'esito non è per nulla scontato.