Napoli, 16 set. (TMNews) - Sono 34 le persone arrestate a Napoli nel corso del blitz anticamorra contro esponenti del clan Lo Russo. Le accuse contestate sono di associazione di tipo mafioso e finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti. Gli indagati avrebbero gestito diverse piazze di spaccio e venduto droga nell'area controllata dall'organizzazione criminale tra Miano e la Sanità.I gestori di ogni piazza di spaccio erano tenuti a versare una sorta di "tassa di concessione" al clan Lo Russo poiché spendevano il nome del gruppo camorristico nello svolgimento dell'attività illecita.Le forze dell'ordine hanno scoperto il nuovo organigramma del clan dopo la decisione di collaborare con la giustizia di Salvatore Lo Russo e le ripercussioni sulla leadership della cosca mafiosa dopo l'arresto del figlio Antonio, lo scorso mese di aprile in Costa Azzurra dopo quattro anni di latitanza. Infine sono stati posti sotto sequestro preventivo beni mobili e immobili per un valore di circa 10 milioni di euro.