Baghdad (askanews) - Se l'afa e Caronte non hanno dato tregua nelle ultime settimane, per gli italiani afflitti dal caldo c'è sempre di che consolarsi: tutto nella vita è relativo. A Baghdad ad esempio in questi giorni si registra un caldo record. La temperatura ha superato i 50 gradi. Nonostante la calura, le strade come sempre sono affollate di gente e di auto. Si improvvisano vaporizzatori e vecchi ventilatori cercano di smuovere l'aria a beneficio dei passanti e dei commercianti. I venditori di frutta fanno affari, i banchetti sono presi d'assalto.Sono giornate infernali in tutto l'Iraq, ma nelle grandi città, Baghdad compresa, l'atmosfera è ancora più pesante: la gran calura prodotta dal deserto è ancora più insopportabile nell'ambiente urbano, causa smog, asfalto e cemento. Lo storico record di caldo della Death Valley vacilla. Per gli abitanti di Baghdad non resta che celebrare il possibile primato con una bella fetta di anguria fresca.(immagini Afp)