Roma, (askanews) - Trentatré persone fermate, tutti olandesitifosi del Feyenoord, 16 delle quali poi arrestate dalla Poliziadi Stato e sette dai Carabinieri: è il bilancio di quantoaccaduto nella notte nel centro di Roma.Alcuni tifosi della squadra di Rotterdam, ubriachi, hanno iniziato un fitto lancio di bottiglie ed oggetti vari contro le forze dell'ordine, presenti in piazza Campo de' Fiori proprio per impedire che contatti con i tifosi della squadra avversaria potessero degenerare. La rispostadelle forze dell'ordine ha permesso di isolare i violenti.Al termine degli accertamenti 16 di loro, tutti di età compresatra i 20 ed i 28 anni, sono stati tratti in arresto dalla Polizia per rispondere per i reati di resistenza, lesioni, rissa, violenza a pubblicoufficiale e porto di oggetti atti ad offendere. Sei appartenenti alle forze dell ordine sono dovuti ricorrere alle cure del pronto soccorso per ferite e contusioni varie riportate nella circostanza. Poco più tardi, nei pressi di via del Corso i carabinieri sono intervenuti a seguito di alcune segnalazioni per rissa, arrestando sette tifosi della squadra olandese. Nel processo per direttissima seguito all'arresto, i tifosi olandesi hanno patteggiato una condanna a sei mesi di carcere convertiti in 45 mila euro di multa a testa.