Dal giornalaio al ristoratore: non e' solo colpa sua