Bari, (TMNews) - Si muovono veloci sul campo, palleggiano e cercano la rete, come tutti i giocatori di calcio, solo che loro sono ciechi. Scendono in campo con agonismo e voglia di divertirsi la domenica per il Campionato di calcio a 5 indetto dalla Federazione Italiana Sport Paralimpici per Ipovedenti e Ciechi. Il rettangolo di gioco è perimetrato da barriere che impediscono alla palla di uscire dal campo. Solo il portiere è un vedente gli altri giocano al buio e sentono la palla grazie ai sonagli ha all'interno. Alcuni giocatori del Bari spiegano come funziona questo sport."Noi stiamo attenti alle posizioni da tenere in campo ai passi che ci sono prima di arrivare alle sponde".A guidare il gioco l'allenatore che staziona a bordo campo e ha l'incarico di dirigere la squadra e un accompagnatore che si posiziona dietro la porta avversaria per dare indicazioni sul tiro."Una cosa in più rispetto a un allenatore di normodotati, anche di Champions, sono le emozioni".Tattiche di gioco, falli, punizioni, rigori, arrabbiature con l'arbitro, la partita dei ciechi non è diversa dalle altre, solo che in campo i ragazzi scendono con una certezza."Non bisogna mai arrendersi davanti alle difficoltà, che obiettivamente ci sono sia in campo che nella nostra vita".Dagli spalti il calore dei tifosi alimenta ancora di più, se possibile, l'entusiasmo di questi giocatori.