Roma, (askanews) - La prima riunione della cabina di regia per il Giubileo a Roma a quattro 'teste' si è svolta in Vaticano. Presenti il sindaco di Roma, Ignazio Marino, all'indomani del suo rientro nella Capitale dalle contestate ferie in America e ai Caraibi, il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, il prefetto di Roma, Franco Gabrielli (a lui il governo ha affidato poteri speciali per l'Anno Santo) e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti. A riceverli, nella sede del Pontificio Consiglio per la nuova evangelizzazione, in via della Conciliazione, monsignor Rino Fisichella.Il sottosegretario De Vincenti, ha commentato così l'incontro preparatorio dell'anno santo straordinario. "Tutto bene, continuiamo a lavorare per preparare l'organizzazione dell'anno santo. Molto bene su tutti i terreni, sia l'interlocuzione sugli interventi che sta predisponendo il comune sull'accoglienza e la mobilità, sia su quelli sanitari della regione. Stiamo anche pensando a una rete all'estero per facilitare la richiesta di visti. L'organizzazione sta procedendo bene, l'incontro è stato fruttuoso".Il sindaco della Capitale Marino ha invece salutato i cronisti dribblando la stampa e senza rilasciare alcun commento. Lo stesso ha fatto Gabrielli che ha preferito non aggiungere altro rispetto a quanto dichiarato da De Vincenti, mentre il governatore della Regione, Zingaretti, ha raccontato: "Si sono passati in rassegna i vari step della preparazione. Mi sembra ci sia un livello di collaborazione molto avanzato e positivo. Per la Regione abbiamo confermato che tutti e 12 i cantieri giubilari sulla sanità sono aperti e prevediamo la chiusura lavori in tempo utile, come l'acquisto delle nuove ambulanze".