Roma, 9 nov. (askanews) - Lo hanno definito "Doping di Stato": potrebbe diventare uno degli scandali sportivi più grandi di sempre quello che in queste ore sta coinvolgendo il mondo dell'atletica leggera e in particolare la Russia. L'agenzia mondiale antidoping (Wada) ha invitato la Federatletica internazionale (Iaaf) a sospendere gli atleti della Russia da qualsiasi competizione. Secondo le indagini della stessa Wada, diversi atleti russi farebbero uso di sostanze dopanti da anni alterando i risultati di svariatemanifestazioni sportive. Il Sunday Times ha anticipato che otto atleti vincitori di medaglie d'oro o d'argento all'Olimpiade di Londra 2012 avrebbero dovuto esser squalificati per doping primadei Giochi e sono invece sfuggiti alla sanzione per effetto di mazzette.Lo scandalo coinvolge tra gli altri un ministro e membri dei servizi segreti russi infiltrati nelle struttureantidoping per manipolarne i risultati. Chiesta anche la radiazione a vita di cinque atleti, tra cui i nomi più noti sono quelli dell'olimpionica degli 800 a Londra, Marya Savinova, e la medaglia di bronzo, Ekaterina Poistogova.(immagini Afp)