Roma, (askanews) - L'annosa questione delle buche di Roma, che si trascina ormai da tempo, sembra non avere fine. E ora è arrivata anche sulla scrivania della procura. Per ogni buca o crepa che provoca un incidente, i dirigenti del Comune e dei Municipi saranno chiamati a dare spiegazioni.Secondo un rapporto sarebbero migliaia gli incidenti che si verificano ogni anno a causa delle cattive condizioni stradali delle vie capitoline.Qui siamo in periferia, nella zona est della Capitale: è la zona della Prenestina e della Casilina. Vere e proprie voragini su strade ad alta percorrenza, che diventano pericolosissime con pioggia e temporali.Ma anche in centro le cose non cambiano. E i numeri dei sinistri provocati dalle buche danno ragione soprattutto ai ciclisti e ai centauri, che sono i primi a sentirne gli effetti. Dal primo gennaio al 30 maggio di quest'anno sono stati 2.101 gli incidenti causati dalle strade dissestate. I primi responsabili sarebbero i funzionari dell'amministrazione. Su di loro è aperta anche un'inchiesta della Corte dei Conti.