Rio de Janeiro (TMNews) - Lula scende in campo per difendere la sua erede politica, Dilma Roussef che cercherà di ottenere un secondo mandato alle elezioni del 5 ottobre. L'ex presidente brasiliano si è anche schierato pubblicamente in favore della compagnia petrolifera Petrobras, minacciata dalla candidata ecologista Marina Silva. "Il petrolio è il futuro di questo paese, chi si pronuncia contro non vuole la ricchezza del Brasile" ha tuonato Lula facendo riferimento all'intenzione di Silva di privatizzarla e di non non dare seguito allo sfruttamento delle risorse offshore.Petrobras, che è uno dei temi caldi della campagna elettorale, è finita al centro di un enorme scandalo corruzione che ha coinvolto alcuni esponenti del Partito dei Lavoratori, che fa capo a Roussef. Per questo la discesa in campo, ad un raduno sindacale insieme a migliaia di lavoratori, di una figura popolare e ancora carismatica come l'ex presidente Lula. I sondaggi continuano a dare un testa a testa fra le due candidate.(immagini Afp)