Brasilia (askanews) - "Primo obiettivo la crescita": La presidente Dilma Rousseff ha iniziato ufficialmente il suo secondo mandato presidenziale in Brasile, promettendo un ritorno alla crescita del Paese e un contrasto deciso alla corruzione durante il suo discorso di insediamento, davanti al Parlamento e a 27 capi di Stato e di governo stranieri."Più di tutto so che il Brasile ha bisogno di ritrovare la crescita, - ha detto Rousseff - i primi passi per ottenere questo obiettivo saranno un adeguamento dei conti pubblici, un aumento del risparmio, della crescita, della produttività dell'economia. Lo faremo senza alcun sacrificio per la popolazione, soprattutto per i più bisognosi".Rousseff ha poi promesso un processo storico di cambiamento. Il finale del suo primo mandato infatti è pensantemente segnato dai disordini sociali, come quelli in occasione dei mondiali, dall'improvvisa entrata in recessione a metà del 2014 e dello scandalo Petrobras. Ora l'ex guerrigliera ha quattro anni per riconquistare la fiducia degli elettori del Partito dei lavoratori.(immagini afp)