Roma, (askanews) - L'Osteria Francescana di Modena è il miglior ristorante al mondo, secondo la speciale classifica dei 50 migliori ristoranti, gli Oscar della cucina. Lo chef Massimo Bottura è fiero della sua creatura già certificata tre stelle Michelin.

Fuori dal ristorante, adesso, campeggia la bandiera italiana che celebra il primo posto. Il locale, all'interno, è curato nei minimi dettagli. La passione per la cucina, a Bottura, viene dall'infanzia.

"Probabilmente questa idea che la cucina fosse il mio luogo sicuro dove andarmi a nascondere dai miei fratelli perché c'era mia nonna che mi difendeva, è forse una cosa che mi è rimasta nel cuore, e anche incosciamente ho sempre pensato che quel luogo fosse il luogo migliore e il più sicuro della mia vita". "Ironico no? Fino a dieci anni fa mi volevano crocifiggere nella piazza principale di Modena perché rovinavo, distruggevo le ricette della nonna, ma non era così".

La sua filosofia ai fornelli è semplice: "Guardare il mondo con occhi diversi significa rendere visibile l'invisibile per tutti e trasmettere emozioni di quando sei un bambino, cioè porti chiunque venga a mangiare da te a tornare bambino e a provare questo tipo di emozioni. Io guardo il mio passato perché mi ci appoggio sopra, ma lo guardo in chiave critica, non nostalgica, perché lo voglio portare nel futuro".

Per sua moglie Lara Gilmore è importante continuare a pensare di dare il meglio:

"Devi amare davvero il tuo lavoro, avere passione, e mettercela ogni giorno, senza preoccuparti della tua posizione in classifica".

Lei e Bottura sono cresciuti insieme all'Osteria Francescana, costruita nel tempo come una loro creatura.

"Quando abbiamo aperto non avevamo un'idea precisa, non potevamo sapere che saremmo arrivati a questo punto quando abbiamo cominciato 21 anni fa".