Roma, 11 dic. (askanews) - Il club dei potenti in guerra con lo Stato Islamico ha un nuovo socio: si tratta di Joaquin Guzman, il boss mondiale del narcotraffico meglio noto come El Chapo.Un blogger messicano ha fatto infatti trapelare un presunto messaggio cifrato del potente capo del cartello Sinaloa nel quale minaccia di "strappare la lingua e il cuore" al Califfo nero Abu Bakr al Baghdadi. Una sentenza di morte dal boss della droga che ha un semplice movente: il leader dell'Isis avrebbe fatto distruggere alcune partite di droga del cartello del Chapo che controlla le rotte dell'eroina in Medio Oriente."Il vostro Dio non vi potrà salvare dal vero terrore che i miei uomini imporranno a voi se continuerete ad interferire nelle mie operazioni. I miei uomini vi distruggeranno", avrebbe scritto El Chapo direttamente in una e-mail criptata, secondo quanto rivela "Cartel blog".Definito dalla rivista "Forbes" come uno degli uomini più potenti al mondo, il 61enne messicano, è stato capace di ben due fughe da carceri di massima sicurezza in pochi anni. L'11 luglio scorso la spettacolare evasione attraverso un tunnel scavato sotto il super carcere di Altiplano dove era detenuto.