Roma, (askanews) - La data di inizio è ancora lontana, ma la macchina organizzativa gira già a pieno ritmo e le attese per il grande giubileo straordinario indetto da Papa Francesco sono altissime. Roma si prepara a vivere un anno che potrebbe richiamare milioni di pellegrini nella Città Eterna e anche le opportunità economiche potrebbero essere notevoli.Complice anche l'inizio della primavera e l'avvio delle celebrazioni che porteranno alla Pasqua - già il 29 marzo, con la domenica delle Palme si attendono centinaia di migliaia di fedeli in piazza San Pietro - Roma e il Vaticano sono presi letteralmente d'assalto da fedeli, turisti, gruppi scolastici, famiglie in gita. "C'è più gente - dice il proprietario di questo chiosco vicino al Vaticano - c'è il doppio della gente che c'è normalmente. Di conseguenza si guadagna di più".Guadagni in aumento, ma anche i disagi. Come per questa signora, proprietaria di un negozio di articoli religiosi: "Quando c'è veramente tanta gente è difficoltoso muoversi, arrivare sul posto di lavoro..ci sono molti problemi".Il Giubileo straordinario aprirà ufficialmente l'8 dicembre. Ma già la notizia ha fatto felici molti romani. Come questo signore: "E' una splendida notizia. Soprattutto per come l'ha proposta Papa Francesco, perchè non sarà un Giubileo trionfante, ma un giubileo ispirato ai temi della misericordia e del perdono e mi pare che in questo momento ce ne sia un grande bisogno. Roma è una città aperta, riceve già oggi milioni di turisti. Non credo ci saranno problemi. Il problema vero sarà come i romani apriranno il loro cuore al Giubileo di Papa Francesco".(Immagini: Afp)