La Paz (TMNews) - Il presidente boliviano Evo Morales ha chiesto al Cile di restituire alla Bolivia un accesso al mare risolvendo così una disputa territoriale secolare. Morales si è anche rivolto alla Corte di giustizia internazionale dell'Aia affinché si pronunci sulla richiesta con la stessa equità con cui ha dato vita a un arbitrato nella contesa tra Cile e Perù.L'Aia ha infatti restituito al Perù una zona marittima ricca di risorse ittiche sotto sovranità cilena dopo la Guerra del Pacifico combattuta tra il Cile e le forze alleate di Bolivia e Perù dal 1879 al 1884. A seguito della sconfitta, la Bolivia perse l'accesso all'Oceano Pacifico, condannando da allora il paese a rimanere tra i più poveri dell'America del Sud.Parlando in una piazza di La Paz dedicata a un eroe boliviano della Guerra del Pacifico, Morales ha ribadito la richiesta inscritta nella stessa Costituzione del paese, una rivendicazione prioritaria nell'agenda del presidente socialista."Se un dittatore come Pinochet aveva pensato di proporre spontaneamente un accesso al mare alla Bolivia, siamo autorizzati a sperare che il governo democratico cileno possa, in pieno XXI secolo, fare in modo di trasformare questo diritto in realtà".Morales ha poi ribadito la necessità di sanare le ferite del passato, causate da interessi economici stranieri, per integrare una volte per tutte due paesi fratelli che hanno sempre diviso storia, cultura e tradizioni.(Immagini Afp)