Milano (askanews) - Un gruppo di antagonisti del variegato fronte contrario all'Expo 2015 ha utilizzato l'edificio milanese simbolo dell'esposizione universale, l'Expo Gate di piazza Cairoli, per presentare la mobilitazione in programma nei giorni dell'inaugurazione. I manifestanti sono saliti sulle tettoie di ingresso ai due fabbricati che compongono l'edificio, mentre all'interno era in corso un convegno, e srotolato un lenzuolo che annuncia le iniziative dei prossimi giorni.Elio Catania, della Rete Attitudine NoExpo: "Il modello dell'esposizione universale 2015, contrariamente a quello che ci propina la propaganda ufficiale e i signori dell'Expo, rappresenta secondo noi un modello di debito, cemento e precarietà, per questo il primo maggio una grande manifestazione internazionale attraverserà le strade di Milano per contrapporsi di fatto a questo modello".La mobilitazione degli antagonisti inizierà già il 30 aprile, con un corteo studentesco nazionale e con l'apertura del campeggio NoExpo al parco di Trenno, non lontano dal sito espositivo. Il 2 maggio sono poi in programma "mobilitazioni diffuse" contro l'esposizione universale e il 3 maggio una assemblea plenaria generale.Un programma ambizioso che sfida la capacità di controllo delle forze dell'ordine. "Noi rifiutiamo e rispediamo al mittente qualunque tipo di criminalizzazione e di terrorismo mediatico che si sta facendo in questo senso". Gli antagonisti contano di portare in corteo, il primo maggio, almeno 40.000 persone.