New York, 5 mar. (TMNews) - Dopo la bancarotta di Mt.Gox, unadelle maggiori piattaforme per il trading di bitcoin al mondo con sede a Tokyo, il governo giapponese si prepara a fare ordinedettando regole rigide per la cripto valuta. Come riporta ilFinancial Times, Tokyo sta pensando a una stretta sulle attivitàche coinvolgono la moneta virtuale: la nuova regolamentazione dovrebbe includere tasse su trading e acquisti e il divieto perbanche e intermediari di effettuare operazioni sui bitcoin.Finora il Giappone non aveva espresso pareri sulla valutadigitale, ma il collasso di Mt.Gox con una perdita di circa 560milioni di dollari al cambio attuale avrebbe fattocambiare idea al governo del Sol Levante. Molti legislatori giapponesi sostengono che il fatto che gli scambi con bitcoin siano anonimi aumenti la possibilità di frodi e propongono di considerare la cripto valutacome uno strumento finanziario da sottoporre a restrizioni econtrolli.