Rangoon (askanews) - Il candidato del partito di Aung San Suu Kyi alla presidenza della Birmania, l'odierno Myanmar, ha ottenuto il primo via libera dopo la sua apparizione pubblica di fronte alla camera bassa birmana, che ha votato in suo favore. Htin Kyaw, vestito alla maniera tradizionale con un longyi, ha ottenuto un voto ampiamente positivo, battendo come atteso il candidato del partito Uspd, che rappresenta il partito al potere fino alle storiche elezioni di novembre.La Lega nazionale per la democrazia, formazione di Aung San SuuKyi, ha proposto il nome di questo fedele alleato del premio Nobel per la Pace, che non può direttamente assumere la carica perché impedita da una norma costituzionale voluta dall'ex giunta militare che l'ha tenuta per anni agli arrestidomiciliari.Aung San Suu Kyi ha già annunciato che, per quanto non direttamente investita della carica, sarà "al di sopra" del presidente.(Immagini Afp)