Naypitaw, Birmania (askanews) - In Birmania il partito di Aung San Suu Kyi ha superato l'impasse candidando come sua prima scelta per la presidenza Htin Kyaw, 69enne economista e stretto collaboratore della 70enne leader carismatica dell'opposizione alla dittatura militare. Un altro eletto del partito, Henry Van Theu, è il secondo nominato e dovrebbe assumere l'incarico di vice presidente.Settimane di intense trattative non sono riuscite a superare con un compromesso il blocco costituzionale che impedisce a Suu Kyi di guidare il paese in quanto il marito e i suoi figli hanno un passaporto straniero, britannico nello specifico. Una norma voluta non a caso dai militari per cercare di disinnescare in qualche modo la schiacciante vittoria ottenuta alle elezioni del novembre scorso dal partito della pasionaria birmana, la Lega nazionale per la democrazia.Pur rinunciando ufficialmente alla presidenza Suu Kyi, indiscussa protagonista della politica birmana, ha dichiarato che intende governare "sopra" il presidente come capo effettivo del futuro governo.La scelta di Htin Kyaw, compagno di scuola della leader del partito, che gestisce la sua fondazione ed è da sempre al suo fianco, è arrivata dopo mesi di negoziati. Ma l'iter di nomina sarà ancora lungo. I deputati e i senatori del Parlamento birmano sceglieranno a loro volta un proprio candidato, come farà anche l'esercito.Tuttavia, la Lega nazionale per la democrazia dispone di una maggioranza così ampia da poter eleggere i suoi rappresentanti senza problemi, a meno di clamorose sorprese dell'ultimo minuto.(Immagini Afp)