Rangun (askanews) - Storica svolta politica in Birmania. La Lega nazionale per la democrazia, il partito del leader dell'opposizione Aung San Suu Ky, ha superato, nello spoglio dei voti delle elezioni politiche tenute domenica, la soglia che gli permette di essere maggioritario al Parlamento birmano, aprendo così la strada a un rinnovamento totale della vita sociale del paese.In base agli ultimi risultati forniti dalla Commissione elettorale, la Lega per la democrazia ha ottenuto 348 seggi. Sarà quindi maggioritaria, nonostante la presenza in Parlamento di un 25% di seggi di nomina diretta da parte dello stato maggiore militare.Forse anche per questo, il segretario generale delle Nazioni unite Ban Ki-moon, pur congratulandosi con Aung San Suu Kyi per la vittoria, ha avvertito che resta ancora "molto duro lavoro" da compiere per realizzare una democrazia compiuta in Birmania.Ban ha definito il voto di domenica una significativa conquista nella transizione dal potere dalle mani dei militari ma ha sottolineato che alcune minoranze etniche, come i musulmani rohingya, non hanno avuto l'opportunità di partecipare al voto.(Immagini Afp)