Roma (TMNews) - Ammonta a 3 miliardi e 800 milioni di euro, tra beni mobili e immobili e denaro contante, il capitale sequestrato alla criminalità organizzata nel 2012 dalla Guardia di Finanza. Sono i dati resi noti dalle Fiamme Gialle che hanno illustrato i risultati dell'ultimo anno di attività contro l'infiltrazione dei capitali mafiosi e i traffici illeciti. Grazie alla collaborazioni con forze di polizia straniere e diverse forme d'investigazione, comprese operazioni sotto copertura, i finanzieri hanno messo a segno 3.863 indagini patrimoniali in gran parte volte al recupero dei patrimoni illeciti di mafia, camorra, 'ndrangheta, sacra corona unita e altre organizzazioni criminali, anche straniere.Tra le attività più redditizie per la malavita, il traffico di stupefacenti: i controlli hanno consentito il sequestro di oltre 30 tonnellate di droga tra hashish, cocaina, eroina e altre sostanze con 2.548 arresti.Segue a ruota il contrabbando di sigarette, ultimamente anche di quelle elettroniche non a norma, con il sequestro di oltre 294 tonnellate di tabacchi lavorati esteri e 325 arresti.Sempre in evidenza, infine, anche il reato di usura. Nel 2012 la Finanza ha denunciato 465 usurai, arrestandone 124, ai quali sono stati sequestrati beni e disponibilità per oltre 12 milioni di euro.