Roma, (askanews) - "Chi mi vuole bene nel mio partito mi considera un martire e un eroe. E certe critiche di bottega agli eroi non si fanno". Lo afferma Silvio Berlusconi alla presentazione del libro di Bruno Vespa."Noi - aggiunge - siamo in un partito anarchico dove ognuno può fare quello che vuole. Se però si fa male al partito e si consente a certi giornali ostili di dire che il partito è nel caos, questo non deve essere più permesso. Non voglio più vedere agenzie di questo genere. Come ho detto: i panni, che non sono sporchi, si lavano in casa".