Palermo, (TMNews) - La campagna elettorale si appresta a vivere la sua ultima settimana prima del voto e i toni del confronto politico si alzano. Tocca a Silvio Berlusconi dare la misura della temperatura raggiunta dal dibattito: il leader del Pdl in trasfera a Palermo ne ha per tutti a cominciare dal segretario del Pd, Pierluigi Bersani."Da Bersani continuo a ricevere minacce. Sul conflitto di interessi, ad esempio"Berlusconi, respinta l'accusa di aver depenalizzato il falso in bilancio, passa all'attacco di Monti."Monti ha portato la sua classe ed eleganza in Parlamento: Dicendo che ha ereditato il governo da cialtroni, non mi ricordo una caduta così in bassa nella politica italiana, credo sia il punto più basso raggiunto"Ma arriva anche il turno di Giannino e Grillo.Non mancano stoccate a Fini che "è ridotto ad un prefisso telefonico lo 0,4%. Il tradimento di amici ed elettori - tuona il Cavaliere - non paga mai".