Londra (askanews) - Nel futuro di Daniel Barenboim c'è il suo grande amore, il pianoforte, ma anche l'impegno civile per la pace in medio-oriente. Il celebre musicista argentino-israeliano, direttore dell'Opera di Stato di Berlino, vuole rallentare il lavoro di direzione d'orchestra per dedicarsi a queste due passioni. Lo ha detto a Londra durante una esibizione per mostrare il pianoforte concepito per sua iniziativa in collaborazione con Steinway & Sons:"Mi sono abituato a suonarlo, mi piace molto il suono che produce. E' trasparente e molto chiaro, sono molto felice", spiega il musicista che a 72 anni ha deciso di dedicarsi meno all'orchestra e più al piano "finche le mie dita me lo permetteranno", ha spiegato. Poi c'è anche l'impegno per la pace in Medio Oriente. Grande sostenitore del ruolo sociale dell'arte, è uno dei fondatori della West-Easter Divan Orchestra, che ospita musicisti israeliani e palestinesi. E ora con lo stesso obiettivo, il progetto della Baremboim-Said Akademie, a Berlino: una scuola per musicisti del medio oriente, sempre per promuovere la pace attraverso la musica."Sono semplicemente esasperato e rattristato. Come non vedere che siamo gli uni al fianco degli altri. Che sia una benedizione o una maledizione è così e basta".(immagini Afp)