Dakar, (TMNews) - Barack Obama si affaccia dalla porta di non ritorno sull'isola di Gorée, in Senegal. Questo è l'ultimo pezzo d'Africa visto da migliaia di africani catturati, imprigionati e da qui imbarcati sulle navi dei negrieri per poi essere venduti come schiavi in America.Quest'isola è diventata un simbolo di quel periodo buio che negò la libertà a milioni di uomini, compresi gli antenati della first lady Michelle che ha accompagnato insieme alle figlie Obama in una visita emozionante. "E' una testimonianza di quello che può accadere quando non siamo vigili nella tutela dei diritti umani - ha detto il Presidente - è un momento molto forte. Ovviamente per un afro-americano, un presidente afro-americano, avere la possibilità di visitare questo sito, penso, mi dà maggiori motivazioni per difendere i diritti in tutto il mondo".(Immagini Afp)