Pescara (askanews) - "La nostra mozione su Bankitalia dice che c'è bisogno di scrivere una pagina nuova, chi sarà il governatore e le scelte che faranno il governo e autorità preposte avrà pieno rispetto istituzionale da parte del Pd. Ma ieri la mozione l'ha votata il Pd sulla base delle indicazioni del governo". Lo ha detto il segretario del Pd Matteo Renzi a Recanati tornando sul tema di Bankitalia.

"La mozione votata - ha aggiunto - riguarda Banca d'Italia, il suo passato e il suo futuro, è la mozione che il governo ci ha chiesto di riformulare e che abbiamo accettato di riformulare in spirito di collaborazione quindi non c'è nessuno scontro con il governo. Certo c'è una discussione in queste ore sul futuro di Banca d'Italia, per quello che ci riguarda non tocca al Pd decidere il nome del governatore: lo decideranno le autorità

preposte".

"Il Pd - ha concluso l'ex premier - non ha niente da nascondere su quello che è accaduto perchè a noi è toccato intervenire per cercare di rimediare ai disastri che avevano fatto altri, non abbiamo nessun problema, nessuna polemica non litighiamo con nessuno. Se qualcuno dice che non è accaduto niente dico che non è accettabile come racconto e la mozione dice con forza che c'è bisogno di scrivere una pagina nuova. Non si vada a raccontare ai cittadini che in questi anni sulle banche non è successo niente, noi siamo intervenuti per rimediare ai disastri di altri, forse se qualcuno può spiegarci cosa è accaduto nel senso di mancanza di vigilanza e dei problemi che ci sono stati fa un piacere non al Pd ma agli italiani".