Napoli (askanews) - Novecentomila banconote così false da sembrare vere, dal valore di 28 milioni di euro. La Guardia di finanza di Napoli insieme al nucleo speciale di polizia valutaria di Roma hanno smentallato una banda criminale specializzata nella contraffazione di denaro.

Operava in Italia e in Europa il sodalizio criminale di matrice partenopea. Tredici persone, colte in flagranza di reato, sono state arrestate. Nel corso dell'attività investigativa sono state scoperte tre stamperie clandestine, complete di macchinari e strumentazione per la produzione di banconote false, una di queste in Romania.

Secondo le prime analisi i macchinari sequestrati si sono rivelati altamente performanti: le banconote prodotte erano di pregevole fattura e avrebbero ingannato chiunque una volta immesse sul mercato. Il consorzio criminale, specializzato in banconote false, non disdegnava tuttavia nemmeno la contraffazione di tessere di riconoscimento delle forze dell'ordine, di passaporti e permessi di soggiorno.