Milano (askanews) - Ban Ki-moon apre la strada a un ruolo di primo piano per l'Italia nel complesso scenario della crisi libica. Sarà il Consiglio di sicurezza a decidere la guida di un'eventuale missione di pace delle Nazioni Unite in Libia, dove comunque l'Italia ha avuto un ruolo molto positivo.Queste le parole pronunciate dal segretario generale delle Nazioni Unite nel corso di un'intervista esclusiva al "Corriere della Sera" alla vigilia della sua partenza per Roma, dove oggi parlerà al Parlamento riunito in seduta comune prima di visitare l'Expo a Milano.Pur nel linguaggio estremamente cauto della diplomazia internazionale, il segretario dell'Onu sembra offrire il suo gradimento per un ruolo di vertice dell'Italia nel quadro di una risoluzione internazionale della crisi. "Se sarà varata una missione di pace dell Onu in Libia, la decisione su chi la guiderà dovrà prenderla il Consiglio di Sicurezza", ha spiegato Ban Ki-moon. "Io posso solo dire che l'Italia ha svolto un ruolo molto positivo, centrale anche nel favorire l'accordo per un governo di unità nazionale: un intesa negoziata tra mille difficoltà dal mediatore delle Nazioni Unite, Bernardino Leon".(Immagini Afp)