Baltimora (askanews) - Una calma più o meno precaria regna a Baltimora dove migliaia di uomini tra soldati della Guardia nazionale e agenti di polizia sono stati schierati in città dopo i violenti scontri tra forze dell'ordine e dimostranti seguiti ai funerali di Freddie Gray, il ragazzo afroamericano di 25 anni deceduto il 19 aprile per danni alla spina dorsale provocati in seguito all'arresto da parte della polizia.Le forze di sicurezza hanno sparato lacrimogeni e proiettili al peperoncino contro gruppi isolati di dimostranti che hanno sfidato il coprifuoco imposto dal sindaco ma per bocca del suo portavoce la polizia ha dichiarato che il divieto di uscire di casa dalle 22 alle 4 del mattino è stato sostanzialmente rispettato. Sono state arrestate dieci persone.Le autorità di Baltimora hanno deciso di imporre il coprifuoco per soffocare sul nascere ogni violenza, dopo che erano stati saccheggiati negozi, dati alle fiamme edifici e auto mentre le forze dell'ordine erano state attaccate violentemente.(Immagini Afp)