Roma, (askanews) - Più equilibrio nella giustizia sulle questioni razziali, più energia nell'affrontare quella che resta una macchia, "qualcosa di sbagliato" nella società americana. Lo ha chiesto Hillary Clinton, candidato democratico alla presidenza in un discorso tenuto in uno dei templi del sapere Usa, la Columbia University di New York."Da Ferguson a Staten Island e Baltimora, lo schema ormai è chiaro e innegabile","Dobbiamo affrontare alcune dure verità sulla razza e la giustizia in America""C'è qualcosa che non va quando un giovane nero su tre a Baltimora non può trovare lavoro. C'è qualcosa di sbagliato quando viene meno la fiducia fra le autorità giudiziarie e di polizia e le comunità che servono, come è accaduto in tante nostre comunità".Clinton ha poi lanciato una proposta che sembra già parte di un programma politico per le elezioni presidenziali del 2016:"Dobbiamo fare in modo che ogni dipartimento di polizia nel nostro paese abbia telecamere incorporate, per registrare le interazioni fra gli agenti e i sospetti. Questo migliorerà la trasparenza e la responsabilità. Aiuterà a proteggere chi è nel giusto su entrambi i fronti".