Roma, (askanews) - "Nel Paese si registrano segnali positivi centrali e periferici, e questo genera fiducia. Ma l'affanno della gente permane: è l'affanno per mantenere la propria famiglia ogni giorno, poiché le esigenze primarie non ammettono rimandi a tempi migliori". Così il cardinale Angelo Bagnasco aprendo il consiglio episcopale permanente.

"La prima e assoluta urgenza resta ancora il lavoro: sono ormai lunghi anni che il problema taglia la carne viva di persone - adulti e giovani - e di famiglie. La vita della gente urla questa sofferenza insopportabile: deve avere la sicurezza nei fatti che questo grido è ascoltato e preso in seria e diuturna considerazione".

"Sarebbe nefasto - prosegue Bagnasco - che nei luoghi della responsabilità la voce dei disoccupati e dei poveri arrivasse flebile e lontana. Semplificare le realtà difficili e complesse non è giusto: questo approccio genera populismo facile e superficiale, spesso urlato, a volte paludato, comunque ingannatore e inconcludente, e seriamente pericoloso".