Budapest (askanews) - Dopo giorni di stallo e tensione, la situazione dei profughi siriani in Ungheria si è sbloccata con il via libera da parte di Vienna e Berlino agli ingressi.I migranti rimasti bloccati per giorni alla stazione di Budapest sono partiti a bordo di autobus. La lunga marcia dei profughi, che stavano cercando di raggiungere a piedi Vienna si è trasformata in un viaggio in pullman, messi a disposizione dai governi ungherese e austriaco. Migliaia di migranti sono già entrati in Austria. Fondamentale la svolta tedesca"Il diritto all'asilo politico non ha un limite per quanto riguarda il numero di richiedenti in Germania. In quanto Paese forte ed economicamente sano abbiamo la forza di fare quanto è necessario" a chiarirlo è stata la cancelliera tedesca Angela Merkel."Sono molto felice, ora andiamo in Austria poi forse andremo in Germania, sono davvero felice e ringrazio il popolo ungherese che ci ha supportato" dice Ahmed."Stiamo andando verso il confine con l'Austria e siamo tutti felici qui sull'autobus" aggiunger Batour.Dopo un'attesa stremante e un viaggio sotto la pioggia i profughi una volta arrivati oltre confine hanno trovato cibo e bevande calde. Più tardi, tutti sono stati accompagnati nelle strutture di prima accoglienza.