Roma, 15 dic. (askanews) - Sydney sotto assedio. Un uomo armato, ha fatto irruzione in un caffè della città australiana, prendendo in ostaggio dipendenti e avventori. Alcuni dei prigionieri sono stati costretti a mettere le mani contro la vetrina ed è stata mostrata una bandiera nera islamica che ricorda a quella dell'Isis.Il caffè Lindt si trova nel quartiere degli affari di Sydney che è stato fatto evacuare. Non ci sono segnali che nessuno sia rimasto ferito, ma non è chiaro quanti siano gli ostaggi.Il sequestratore, che dice di avere piazzato quattro bombe ha chiesto che gli venga consegnata una bandiera dell'Isis e di poter parlare con il premier Tony Abbott."Non conosciamo ancora le motivazioni del sequestratore, non siamo certi che siano ragioni politiche anche se ci sono segnali chiari che ce lo fanno pensare" ha detto intervenendo in televisione Abbott.Finora il sequestratore ha rilasciato cinque delle persone prese in ostaggio. Contemporaneamente la polizia australiana ha riferito che è in atto un'operazione per un incidente accaduto al teatro dell'Opera di Sydney, senza precisare se abbia un legame con il sequestro alla cioccolateria della città.(immagini Afp)