Torino (askanews) - Avevano preso di mira anche i sistemi informatici di Expo 2015 (compresi il sito web e la biglietteria), per questo due hacker sono finiti in manette nell'ambito di una operazione anti pirateria informatica condotta della polizia tra Torino, Sondrio, Livorno e Pisa.I due, sospettati di essere tra i responsabili dell'oscuramento di diversi portali web istituzionali, tra cui alcuni ministeri e della sottrazione di dati sensibili, farebbero parte di una organizzazione livello internazionale responsabile di numerosi attacchi ai danni di sistemi informatici di importanti infrastrutture critiche nazionali e siti istituzionali.Le indagini sono eseguite dai poliziotti della Polizia postale e delle comunicazioni del Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche, nell'ambito dell operazione chiamata "Unmask" e coordinata dalla Procura di Roma.