Milano, (askanews) -"Innanzitutto una preghiera, secondo io non ho paura, terzo è ora di svegliarsi, di presidiare e controllare i luoghi di ritrovo di estremisti islamici e sedersi intorno a un tavolo per intervenire con la forza subito. Non è più il tempo del dialogo è il tempo di intervenire militarmente contro chi ci ha dichiarato guerra prima che ci arrivi sul pianerottolo. Chi sta zitto è complice, la paura è complice, io spero che l'Italia dimostri di essere Italia. Io ci sono". A parlare è il leader della Lega, Matteo Salvini, dopo i feroci attacci a Parigi.A Renzi e Alfano Salvini dice che "la Lega c'è, ma non per le sfilate di ipocrisia, entrano escono persone di cui non sappiamo niente è l'ora del rigore, dell'orgoglio dell'ordine, del coraggio, della pulizia Con certa gente bisogna usare maniere forti".