In provincia di Napoli i Carabinieri hanno scoperto altri “furbetti del cartellino”. Ventitré le misure cautelari emesse dal Gip a carico di dipendenti ritenuti responsabili di truffa aggravata ai danni dello stato e di false attestazioni in servizio