Roma (askanews) - L'Associazione Luca Coscioni chiede al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, la rimozione del direttore del Centro Nazionale Trapianti per aver violato l'anonimato dei donatori di gameti in Italia. "Per la prima volta, da quando le tecniche di fecondazione eterologa sono in vigore in Italia sono stati violati i dati che garantiscono l'anonimato dei donatori di gameti", dichiara Filomena Gallo, segretario dell'Associazione Luca Coscioni. "Chiediamo al ministro che, colui che ha determinato tale violazione dal mese di marzo fino al 30 giugno scorso, cioè il responsabile del Centro nazionale trapianti venga rimosso con effetto immediato. Se ciò non dovesse acccadere il ministro sarà corresponsabile di questo fatto grave, avvenuto nel nostro Paese mettendo a rischio la vita e il futuro di famiglie italiane che per avere un bambino hanno fatto ricorso a tecniche con donazioni di gameti", aggiunge Gallo.