Torino, (askanews) -Tre cittadini tunisini - Nafaa Afli (27 anni), Bilel

Mejri (26 anni) e Marwen Ben Saad (31 anni) - ritenuti gravemente indiziati del reato di "associazione finalizzata al terrorismo internazionale" sono stati arrestati dai carabinieri del Ros (Reparto operativo speciale), nell'ambito dell'indagine denominata "Taliban" e coordinata dalla Procura della Repubblica torinese.

Il gruppo di cittadini tunisini è arrivato a Torino nell'autunno del 2015 ufficialmente per "studiare": avevano richiesto un permesso di soggiorno per motivi di studio e si erano iscritti all'Università con tanto di borsa di studio. Non hanno mai frequentato le lezioni o sostenuto esami, ma dai loro profili Facebook inneggiavano allo Stato Islamico.

Successivamente, gli indagati si sono trasferiti a Pisa, per gestire un traffico di sostanze stupefacenti. Qui si erano inseriti nel tessuto sociale, specie tra le fasce dei più giovani, e avevano aderito all'Isis. I tre hanno partecipato inoltre a un comizio di Ansar Al-Sharia (organizzazione terroristica di origine egiziana,

aderente allo IS e presente nell'area del Sinai) a Tunisi, tenuto dal leader Abu Ayad, il leader dei salafiti tunisini, sospettato di essere la mente degli attentati al museo del Bardo ed a Sousse, morto nel 2015 nei bombardamenti dell'Aeronautica americana.