Roma, (askanews) - Il procuratore argentino Alberto Nisman è stato "vittima di un omicidio". Ad affermarlo, la sua ex moglie, magistrato, SandraArroyo Salgado, che ha fatto realizzare un'inchiesta parallela sulla sua morte che risale allo scorso 18 gennaio.La donna, madre delle due figlie del defunto procuratore che accusava di intralcio alla giustizia il presidente Cristina Kirchner, in una conferenza stampa a Buenos Aires ha detto:"Nisman è stato vittima di un omicidio, senza alcun dubbio. Non è stato un incidente e non si è suicidato".L'ex moglie ha consegnato alla procura i risultati delle sue indagini. L'autopsia ha spiegato, ha dato luogo a conclusioni parziali, precipitose ed erronee, che hanno favorito "l'impunità del o dei suoi assassini".L'inchiesta ufficiale sulla morte sospetta del procuratore alla vigilia di un'audizione al Congresso, non si è ancora conclusa, ma sembra privilegiare l'ipotesi del suicidio.Dopo le ultime accuse dell'ex moglie, però, Viviana Fein, la procuratrice che sta indagando sulla morte di Nisman, frena sul trarre conclusioni."Basandoci sulle indagini ufficiali non possiamo ancora dire che si è trattato di un omicidio, le indagini vanno avanti: mancano ancora prove e i risultati degli esperti".