Suva, arcipelago delle Figi (askanews) - Il bilancio del passaggio del ciclone Winston sull'arcipelago delle isole Figi, stato insulare nel sud dell'Oceano Pacifico, il più potente e devastante nella storia del paese, segnala almeno 20 morti ma la conta delle vittime potrebbe aggravarsi.Con venti fino a 325 chilometri orari, nella notte tra sabato e domenica, il ciclone ha raso al suolo decine di case e costretto gli abitanti a rifugiarsi nei centri di evacuazione di emergenza. Le foto riprese dall'alto mostrano un desolante panorama di villaggi distrutti: "Le immagini giunte dalle valutazioni aeree delle zone colpite fanno male al cuore e non lasciano dubbi circa la ferocia di questo ciclone", ha dichiarato il coordinatore delle Nazioni Unite per le Figi Osnat Lubrani.Winston è l'unico ciclone di categoria 5 ad aver mai colpito le Figi, l'arcipelago che vive di turismo e che conta 900.000 abitanti.(Immagini Afp)