Gazzada(VA), (askanews) - Con l'apertura al traffico della tangenziale di Varese e con quella imminente della tratta tra Lomazzo e Cassano Magnago, la Pedemontana lombarda inizia a diventare realtà. Si tratta del collegamento autostradale tra Bergamo, Como e Varese, di cui si parla da più di 50 anni. Per vedere l'opera completata bisognerà però aspettare almeno fino al 2018 visto che i finanziamenti non ci sono ancora. Un ostacolo che il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, è sicuro di riuscire a superare entro la fine del suo mandato."Lunedì - ha commentato Maroni - inauguriamo la trattaA, ad aprile la tangenziale di Como e a luglio la tratta B1, arriveremo poi fino al completamento che è indispensabile. E' un sogno che da oggi diventa realtà".Su questi primi cinque chilometri intorno a Varese, almeno per qualche mese, non si pagherà il pedaggio. "Noi abbiamo detto che, almeno per tutto il periodo di Expo, nonsarà pagato, ma stiamo negoziando col governo perché si vada piùin là nel tempo" ha aggiunto Maroni. Il valore complessivo dei tre lotti della Pedemontana finora appaltati è di circa 930 milioni di euro. Un progetto che ha coinvolto ad oggi oltre 6.500 persone tra impiegati e operai.