Firenze, (askanews) - L'Oms mette in guardia non tanto dall'assunzione di zuccheri, ma dalla loro fonte come le bevande prive di altri nutrienti. Lo afferma Furio Brighenti, presidente della Società Italiana di Nutrizione Umana, che ha partecipato al convegno organizzato dall'Anmco a Firenze su Food Science and Food Ingridients. "Il tetto del 5% sugli zuccheri - ha detto Brighenti - è posto dall'Oms come raccomandazione condizionale, che dovrà essere discussa di volta in volta con l'industria, gli Stati membri o l'agenzia per la salute. L'Oms stessa ha qualificato di media bassa l'evidenza scientifica a riguardo. Semmai, la raccomandazione riguarda un cambiamento nelle fonti alimentari più che sugli zuccheri di per sé. Forte è la raccomandazione sulle bevande zuccherate, una fonte di nutrienti scarsa, se non di calorie. Quindi consumate in eccesso possono portare ad un rischio aggiuntivo per la salute. "