Damasco (TMNews) - Mentre si preparano le elezioni presidenziali, sempre nel segno di Assad, in Siria si continua a morire. A Homs l'esplosione di un'autobomba e il contemporaneo attacco con razzi hanno ucciso almeno 45 persone e ne hanno ferite altre 85. Secondo fonti locali l'autobomba è esplosa nell'area di Abbasid, nel quartiere di Zahra.A Damasco, invece, un proiettile di mortaio è caduto su una scuola nel centro della capitale: almeno 14 i morti, e anche in questo caso i feriti sono decine e decine. La tv di Stato siriana ha attribuito la responsabilità dell'attentato a "terroristi", termine con cui vengono designate le milizie ribelli che combattono il regime siriano. E il Paese sprofonda sempre più.