Kos (Grecia) (askanews) - Ancora incidenti a Kos tra polizia e migranti. Alcuni agenti hanno colpito con i manganelli e usato estintori contro i migranti presenti sull'isola greca. Centinaia di persone, perlopiù afgane e siriane arrivate dalla vicina Turchia, sono state trasferite in uno stadio di calcio, dopo aver soggiornato per settimane lungo le strade e le spiagge dell'isola. Ci sono state "tensioni" quando i migranti hanno cercato di entrare nella stazione di polizia per la procedura di registrazione amministrativa, mentre gli agenti volevano eseguirla nello stadio.Secondo il sindaco di Kos, Giorgos Kiritsis, "la situazione rischia di degenerare" a fronte del massiccio arrivo di migranti nelle ultime settimane in quest'isola altamente turistica. Al momento sarebbero presenti circa 7.000 i migranti.Secondo l Onu, sull isola di Kos le scorte d acqua e di medicinali sono insufficienti per i richiedenti asilo, il cui numero quest anno è aumentato del 750%.(Immagini Afp)