New York,(TMNews) - Oltre al figlio del vicepresidente americano Joe Biden, anche un amico di famiglia del segretario di Stato John Kerry è entrato a fare parte del consiglio di amministrazione di un produttore di gas ucraino, Burisma Holdings. La società è controllata da un ex funzionario del deposto presidente ucraino Viktor Yanukovych, oggetto di sanzioni americane e ora rifugiato in Russia: la reazione di Mosca non si è fatta attendere, visti i ruoli diplomatici di Biden e Kerry in funzione pro-Kiev e anti-russa nel conflitto in corso.L'avvocato Hunter Biden, il più giovane dei due figli del numero due della Casa Bianca, siede nel board di Burisma con responsabilità nell'ufficio legale. La sua nomina segue di poche settimane quella di Devon Archer, che ai tempi del college fu coinquilino del figliastro di Kerry Christopher Heinz, erede del colosso del ketchup Heinz. Archer è stato anche consulente nella campagna presidenziale del 2004 di Kerry. Ora il suo compito è quello di attrarre investitori americani per conto di Burisma, che di fatto rappresenta meno del 10% della produzione nazionale ucraina. Il dipartimento di Stato Usa e la Casa Bianca hanno descritto le attività di Hunter Biden come quelle di privati cittadini negando l'esistenza di finalità politiche nelle loro nomine.