Ferrara, (askanews) - "Siamo di fronte ad un progetto sperimentale importantissimo perché ci permette di verificare per la prima volta sul territorio italiano uno studio che è stato fatto in Germania e che indica come l'80% di tutti i rifiuti che poi troviamo nel marine litter proviene dai fiumi". Così il presidente di Corepla, Antonello Ciotti, ha spiegato a Ferrara, in occasione della presentazione, l'avvio di una sperimentazione di un sistema di raccolta che intercetta sul Po il litter galleggiante trasportato dalla corrente del fiume, un progetto pilota a Pontelagoscuro che vede protagonista l'Autorita' di bacino distrettuale del fiume Po in partnership, oltre che con Corepla, con Castalia e la Fondazione per lo sviluppo sostenibile.

"Il Po con i suoi affluenti copre la gran parte della popolazione del Nord Italia - ha aggiunto Ciotti - quindi andiamo ad intercettare sul Po tutto quello che il Po in questo periodo sta portando in mare. L'obiettivo è quello di tentare di capire da dove vengono questi flussi. Per agire a monte e fare in modo che questi rifiuti non finiscano nel Po. È chiaro che al centro di questo processo c'è la raccolta differenziata il cui obiettivo è proprio quello di evitare la dispersione dei rifiuti nell'ambiente. Se si fa raccolta differenziata sicuramente non si finisce nei fiumi e quindi nel mare".