Trattative febbrili tra federazioni, poi decisione non giocare