Ginevra (TMNews) - Un'emergenza sanitaria di portata globale. Così l'Organizzazione mondiale per la sanità ha definito, per bocca del direttore generale Margaret Chan, la situazione legata all'epidemia di virus Ebola nell'Africa occidentale. Il comitato d'emergenza dell'Oms si è riunito a Ginevra e ha subito chiesto "una risposta internazionale coordinata", ritenuta "essenziale per arrestare e far rientrare la propagazione" del virus.Secondo l'agenzia dell'Onu quella in corso in questi giorni è l'epidemia di Ebola "più grave da 40 anni" e la comunità internazionale è stata invitata ad aiutare i Paesi maggiormente colpiti. Tra questi ancora non c'è la Nigeria, il più popoloso e dinamico tra gli Stati africani, ma ad Abuja si stanno attivando tutte le misure per evitare che il contagio deflagri anche qui. E già qualche ora prima dell'Oms la Comunità economica degli Sati dell'Africa Occidentale aveva lanciato l'allarme su scala mondiale. "Non è la sfida di un solo Paese - ha detto Toga Gayewea Mcintosh, vicepresidente commissione Ecowas - noi abbiamo una sfida e la possiamo fronteggiare solo con un messaggio forte: è una sfida che necessita di un approccio collettivo".(immagini Afp)