Roma, (TMNews) - L'alcol uccide 3,3 milioni di persone ogni anno, più di Aids, tubercolosi e violenze messe assieme: è l'allarme lanciato dall'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), secondo la quale il consumo di alcolici è in aumento nel mondo, in particolare nelle due popolose potenze emergenti Cina e India, dove il vizio di bere è cresciuto con il boom economico.Se si tiene conto della guida in stato di ebbrezza, delle violenze e degli abusi legati al consumo di alcolici e di una moltitudine di disturbi e malattie provocate dal bere, l'alcol è la causa del 20% dei decessi globali, ha sottolineato l'agenzia specializzata delle Nazioni Unite per la salute. Il che equivale a una malattia ogni 10 secondi.Nel 2012 l'alcol ha provocato 3,3 milioni di morti, secondo i dati Oms, il che equivale al 5,9 per cento dei decessi globali (il 7,6% per gli uomini e il 4% per le donne). Solo per fare un paragone, l'hiv è responsabile del 2,8% delle morti nel mondo, la tubercolosi causa l'1,7% dei decessi e le violenze lo 0,9%, secondo lo studio.