Firenze, (askanews) - Dopo che il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha detto in un'intervista al quotidiano francese "Le Figaro" che "l'Isis è alle porte", il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, nega che ci siano "minacce specifiche", ma sottolinea che nessun paese è esente da rischi. "Noi abbiamo prova in tutta Europa della presenza diterroristi o di aspiranti terroristi. Questo è un dato della cronaca purtroppo, non della storia, ed abbiamo visto i terroristi realizzare una terribile cronologia del terrore inmaratone, strade, metropolitane, musei, redazioni dei giornali. Nessun paese può dirsi a rischio zero. Noi non abbiamo tracce di minacce specifiche, certamente lavoriamo con tutte le espulsioni necessarie e ieri abbiamo realizzato l'ultima, quella dell'Imamdella provincia di Lucca. L'obiettivo finale è quello di realizzare un evento, quello dell'Expo, in piena sicurezza" ha detto a margine del convegno "Italia 2015: il Paese nell'anno di Expo".